635px-African_continent-it.svg
Questa carta e altro sull’Africa si trova su Wikipedia

Schema di studio del continente africano

Territorio e morfologia:

Il continente africano si estende per circa 30 milioni di kmq, si estende da capo Bianco, la sua estremità settentrionale per circa 8000 km fino a  Capo Agulhas, la sua estremità sud e da Capo Verde a ovest per circa 7500 km fino a capo Hafun a est. E’ un grande altopiano con altezza media di 1000 m con modeste pianure costiere e un interno formato da tavolati, catene montuose, depressioni, vulcani. Le coste sono poco articolate e basse. Il territorio è geologicamente antico.

A est prevalgono le alte terre interrotte dal rift valley che è una profonda frattura nella crosta terrestre occupata da laghi e coni vulcanici o massicci isolati (Acrocoro Etiopico, Kilimangiaro, Kenya, Ruwenzori). Un terzo del territorio è occupato dal deserto, Sahara a nord, Kalahari e Namib al sud. Molto elevata la catena di Atlante nella parte nord-occidentale, mentre più a sud vi sono i gruppi dell’Ahaggar e del Tibesti nel Sahara, il Fouta Djalon in Guinea, il gruppo vulcanico del Cameroun, le Serras angolane e i Monti dei Draghi in territorio Sudafricano.

Idrografia

Per l’estensione molti bacini fluviali sono interni, senza sbocco al mare, si formano bacini interni (lago Ciad) oppure chotts e uidian (laghi e fiumi nel deserto del Sahara). Il corso dei fiumi è segnato da dislivelli colmati da laghi o rapide e cascate. Vi sono grandi fiumi con bacini estesi che formano vaste pianure che spesso terminano con salti spettacolari. I principali bacini fluviali sono: Nilo, Senegal, Niger, Zaire (Congo), Zambesi. I laghi sono concentrati nella parte orientale e lungo il rift: Lago Vittoria,  Turkana (Rodolfo), Alberto, Edoardo, Kivu, Tanganica, Niassa. Il lago Ciad si trova nella regione del Sahel.

Arcipelaghi e isole

Oceano Atlantico: Canarie, Capo Verde, Sao Tomè e Principe.  Oceano Indiano: Madagascar, Mauritius, Comore, Seichelles, Zanzibar e Pemba (Tanzania)

Aree climatiche e biomi

I climi dell’Africa sono di tipo caldo-umido con temperature medie 20°- 25°

Clima Equatoriale: aree costiere del golfo di Guinea e bacino del Congo, temperatura media di 26° con escursioni di 2° e piogge frequenti (1500 mm), il bioma è quello della foresta equatoriale dove lintenso sfruttamento è uno dei problemi più attuali.

Clima Tropicale umido compreso tra i 15° nord e i 30° sud di latitudine ha due stagioni in base alla piovosità (secco in inverno e umido d’estate). Il bioma è la savana, ambiente non uniforme ma determinato dalla pioggia (da savana boscosa a steppa).

Clima Subtropicale desertico nella fascia del Sahel e all’estremo sud corrisponde ai deserti del SaharaKalahari, Namib e Dancalla caratterizzato da scarse precipitazioni, forte escursione termica diurna, vegetazione scarsa interrotta dalle oasi, isole di verde e ricche di acqua.

Clima Mediterraneo nella regione costiera settentrionale, caratterizzato da inverni miti e piovosi  ed estati calde mitigate dai venti. Il bioma è la macchia mediterranea.

Etnie, lingue e religioni

demografia

Abitanti 1.017.033.312 (stima del 2012) con una densità di 34 ab/kmq

Le zone più densamente popolate sono: Maghreb e delta del Nilo, coste e Golfo di Guinea, regione orientale dei laghi, zone minerarie di CongoZambia, regioni industriali della Repubblica Sudafricana. C’è un grande aumento di abitanti delle città anche se la popolazione urbana è solo al 40%. L’incremento demografico è del 3% annuo ed è il più alto del mondo (prima fase della transizione demografica). La speranza di vita è di circa 50 anni e la mortalità infantile è ancora elevata.

Gruppi etnici

Ci sono circa 3000 etnie suddivise in caucasoidi (berberi e arabi), etiopidi (Africa orientale) e negridi (Africa subsahariana) suddivisi in sottogruppi come sudanesi, bantu, congolesi, swaili. Minoranze etniche antiche vivono nella foresta equatoriale (Pigmei, Khoisan, Koi Koi), Afrikaner (discendenti di europei), Malgasci (in Madacascar fusione con popolazioni asiatiche). I gruppi etnici africani sono troppo numerosi, e per poterli classificare in modo scientifico sono in corso degli studi che hanno prodotto questa carta delle etnicità africaneelaborata in alcuni studi dell’università di Harvard (USA): si manifesta oltre alla grande e variopinta varietà di etnie presenti, la non corrispondenza dei confini degli Stati africani con le etnie stesse.

Lingue

semitiche (arabo, dialetti berberi e nilotico), sudanese (da Capoverde all’Etiopia) comprende circa 400 lingue, bantu e afrikaans ( misto inglese e idiomi olandesi, tedeschi e francesi) La colonizzazione europea ha diffuso le proprie lingue divenute ufficiali in alcuni paesi (inglese, francese, portoghese, spagnolo, italiano, tedesco).

Religioni

Musulmana (Africa settentrionale e subsahariana) Cristianesimo (in Etiopia dall’antichità e portato dai missionari cristiani nell’Africa subsahariana), religioni animistiche (autoctone diffuse nell’Africa centro-meridionale)

Lo schema di studio è scaricabile a questo link

Dal sito didattico “ripassiamo insieme” verifica a risposta chiusa su territorio e morfologia dell’Africa

Dal sito Rossanaweb. altervista, della prof. R. Cannavacciuolo geografia fisica: due esercizi sull’Africa

Un gioco al sito giochi geografici.com per localizzare tutti gli Stati africani.