Non conosciamo mai abbastanza il nostro mondo

Archivi categoria: didattica

It

Carta geografica tratta dal testo: DO-GE – I grandi sistemi economici – Markes

Mappe concettuali per farsi un’idea dell’Italia e dell’Europa:

Mappa concettuale delle lingue europee

La lingua italiana, i suoi dialetti e le minoranze linguistiche

Un atlante sulle differenze dialettali in tutta l’Italia, dove possiamo sentire la pronuncia di alcune parole nei vari dialetti. Ci sono parole comuni di cui si può ascoltare la diversa pronuncia in tutte le regioni italiane. Da notare che solo nel Friuli le parlate sono circa trenta e variano da quella più simile all’italiano delle zone di pianura alle varianti slave e tedesche in alcune valli delle Alpi Giulie o Carniche, e poi le numerose varianti del friulano, diverse  in tutto il Friuli. L’atlante dialettale si chiama “Vivaldi Maps

 

 

Sette mappe concettuali dell’Europa: la formazione geologica dell’Europa e i suoi ambienti e climi.

Lezione sull’Unione Europea: Cronologia ed evoluzione dell’Unione Europea

 

 


Programma delle classi 4° Istituto Tecnico Turistico: Programmi GEO4TT 2014-15

Programma delle classi seconde dell’Istituto professionale alberghiero: GEOGRAFIA Alberghiero-2014-15


Programma di Geografia turisticaper la classe 5ªTecnico dei servizi turistici. Gli argomenti svolti nel corso dell’anno scolastico saranno scelti tra questi:
.
La qualità della vita e lo sviluppo umano
-Gli indicatori dello sviluppo.
-Le cause del sottosviluppo.
-Conflitti e aree di crisi.
-La globalizzazione.
-Lo sviluppo sostenibile.
.
Area mediterranea extra-europea
-La morfologia e il clima.
-La cultura araba.
-L’Islam.
-La religione ebraica.
Marocco (Storia, paesaggio, clima, turismo).
Tunisia (Storia, paesaggio, clima, turismo).
Egitto (Storia, paesaggio, clima, turismo).
Turchia (Storia, paesaggio, clima, turismo).
Israele (Storia, paesaggio, clima, turismo).
Giordania (Storia, paesaggio, clima, turismo).
.
Il Nord America
Il territorio
-Il paesaggio.
-La morfologia.
-L’idrografia.
-Le aree climatiche e i biomi.
-Le etnie, le lingue e le religioni.
 
Stati Uniti (Storia, paesaggio, clima, turismo).
Canada (Storia, paesaggio, clima, turismo).
.
L’America Latina
Il territorio
-Il paesaggio.
-L’idrografia.
-Le aree climatiche e i biomi.
-Le etnie, le lingue e le religioni.
-La demografia.
 
L’area caraibica
-Cuba (Storia, paesaggio, clima, turismo).
-Messico (Storia, paesaggio, clima, turismo).
-Perù (Storia, paesaggio, clima, turismo).
-Brasile (Storia, paesaggio, clima, turismo).
.
L’Asia
Il territorio
-La morfologia
-L’idrologia
-Le aree climatiche e i biomi
-Le etnie e le lingue
-La demografia
Giappone (Storia, paesaggio, clima, turismo).
Unione Indiana (Storia, paesaggio, clima, turismo).
Thailandia (Storia, paesaggio, clima, turismo).
Cina (Storia, paesaggio, clima, turismo).
.
L’Africa
Il territorio
-La morfologia
-L’idrologia
-Le aree climatiche e i biomi
-Le etnie e le lingue e le religioni
-La demografia
Kenya (Storia, paesaggio, clima, turismo).
Repubblica Sudafricana (Storia, paesaggio, clima, turismo).
.
L’Oceania
Il territorio
-La morfologia
-Le etnie, le lingue e le religioni
-I caratteri economici
-La divisione politica
Australia (Storia, paesaggio, clima, turismo).
 

Filmato da satellite della NASA.

Se non riesci a vedere il filmato clicca sul seguente link:    La terra vista la notte con le sue luci 

La fotografia del paesaggio è un testimone importante della ricerca e lo studio della Geografia. Oggi  sempre di più è anche uno spettacolo piuttosto che una rappresentazione reale del territorio. Per questo è importante saper leggere la documentazione che riguarda il paesaggio e il territorio e non cadere in trappole visive preconfezionate (per non chiamarle direttamente fotomontaggi). La fotografia da satellite, come vediamo è una testimonianza anche di notte, momento in cui in teoria la terra non è visibile. Il filmato-documento indica come stiamo trasformando la terra, la luce indica il nostro sviluppo, certamente legato alla  trasformazione degli equilibri naturali.

Bellissime fotografie di paesaggio erano pubblicate su Fotopedia, una community della rete. Per regola le fotografie, rigorosamente vere, non falsate da effetti innaturali, filtri o altri dispositivi che rendono più spettacolare la foto ero rigorosamente proibiti. Sono un appassionato di fotografia e la foto del paesaggio come ho detto rende un importante servizio alla geografia per la rappresentazione degli spazi naturali ed umani. L’esperienza di fotogenia è finita perché il sito non era commerciale e non ha potuto continuare ad esistere per questo motivo. Era possibile vedere nei vari articoli foto da tutto il mondo, semplici e anche molto rappresentative del modo di vedere il mondo. Non c’è niente di meglio che questa finestra sul mondo per vedere rappresentate le diversità e l’unità di questa specie di visualizzazione globale. Facevo parte di questa comunità e mi è moto dispiaciuto che sia stata eliminata dal web per puri m otiti commerciali. Esistono altre comunità di foto del paesaggio, la più famosa è “Panoramio” per certi versi simile alla passata Fotopedia, ma con maggiori motivazioni commerciali. Panoramio è legato a google maps e contiene le foto degli utenti geotaggate e visibili dalla famosa mappa di google. Ho inserito alcune foto del Friuli e altro  in questa community fotografica, iscrivendosi è possibile inserirle senza problemi.

La fotografia digitale: la postproduzione

Per chi ha un interesse non superficiale per la fotografia, un articolo di “Nikon School” curato da Nital, il sito ufficiale di Nikon in Italia, sul fotografo di postproduzione Claudio Palmisano. L’articolo è importante per capire dove va e come viene usata la fotografia digitale e quali sono le tecniche e le nuove opportunità interpretative che lo strumento mette a disposizione. Non si parla dei i soliti trucchi del fotoritocco photoshop ma della conoscenza del file fotografico, del RAW e le possibilità di interpretazione che ha il fotografo partendo dallo scatto della foto. La fotografia è un mio interesse personale che coltivo da anni: La sua evoluzione e il suo uso ormai alla portata di tutti deve comunque renderci consapevoli delle possibilità e caratteristiche dello strumento. Ho personalmente trovato molte cose  utili da questo articolo che poco ha a che vedere con la Geografia.


La proprietà di linguaggio è una virtù poco riconosciuta ai nostri tempi, benché tutti noi dobbiamo poter essere chiari e sintetici e saper comunicare. Il linguaggio appropriato nella geografia è fondamentale, in quanto essendo la disciplina per buona parte descrittiva, si avvale di termini specifici, a volte obsoleti ma spesso insostituibili. Sono disponibili in questo sito dell’Editore Zanichelli delle brevi dispense che spiegano i termini più usati nella descrizione del territorio e nello studio della Geografia più in generale. Le dispense sindividuano i principali elementi del paesaggio come montagne, catene montuose, massicci montuosi, e poi  gli aspetti che riguardano le acque, fiumi, laghi e coste. I materiali si possono anche stampare ed hanno anche delle verifiche finali. Destinate principalmente alle persone che non hanno una perfetta padronanza della lingua italiana, possono essere usate anche dal resto degli studenti, considerato il livello attuale delle conoscenze. Sono servite anche a me e non me ne vergogno. Questi sono gli esempi più semplici ed importanti per i termini usati:

Le forme del paesaggio edizioni Zanichelli

Le acque interne edizioni Zanichelli

Mare e coste  edizioni Zanichelli

Per chi volesse dare un più ampio sguardo all’argomento ci sono più di 40 lezioni di Geografia dello stesso autore parole da capire/cose da sapere Geografia nello stesso sito.

LA GEOGRAFIA E LE  DISCIPLINE SCIENTIFICHE

La fisica da tempo sta dicendo cose nuove sul tempo e sullo spazio. Mentre la storia e la geografia sono ferme sul modello newtoniano. Chi vuole cogliere la sfida per una riflessione non convenzionale su queste categorie non più assolute? La Storia e la Geografia sono ferme questa potrebbe essere l’evoluzione, leggi questo articolo


Esercizi e materiali vari per lo studio della geografia nella scuola media primaria a cura di digilander/libero.it

Prova la tua conoscenza della Geografia del mondo nel sito http://www.geoquizzes.com/

Blog del prof Danilo Stefanoni, professore di geografia e storia presso la scuola Media di Giornico-Faido nel Canton Ticino, Svizzera.

Dienneti è un portale per la didattica e presenta materiali e strumenti di qualità selezionati e organizzati al servizio dell’educazione e della scuola, per la didattica, la ricerca, l’informazione, lo studio, lo svago e l’intrattenimento educativo. Comprende nei suoi materiali di studio anche la Geografia. Questa viene trattata come Geografia Generale con molte interessanti pagine su argomenti di interesse scolastico e non solo. L”interno di questo prtale consiglio di leggere Climi e biomi: una trattazione su elementi e fattori climatici. Un po’ di chiarezza nel caos delle interpretazioni sugli attuali cambiamenti climatici.