Non conosciamo mai abbastanza il nostro mondo

Si può considerare i giochi di Geografia come un complemento importante dello studio, che svolto solo sui libri di testo può risultare ripetitivo e poco stimolante. Ci sono molti siti di gioco in rete e molti di questi hanno come tema la conoscenza della Geografia. Ne ho trovati molti e mi permetto di consigliarne alcuni, e se trovate di meglio fatemelo sapere.

Iniziamo con una cosa che non è un gioco ma un simpatico traduttore che trasferisce la traduzione sulla carta geografica nella lingua del paese indicato.

Un traduttore di parole nelle principali lingue europee. Scrivete una parola e troverete la sua traduzione (dall’inglese) sulla carta geografica dell’Europa. Divertitevi

Giochi geografici  in rete, link utili.

Il primo che consiglio è giochi-geografici.com dove si può cercare di localizzare le città italiane, le Regioni e tutto il resto. Nello stesso sito c’è una sezione dedicata all’Europa e al mondo. E’ un gioco di memoria e visualizzazione. Serve come esercizio  anche se non è possibile per tutti conoscere alla perfezione le localizzazioni di città poco sconosciute. Comunque è  un buon esercizio di memoria per Italia, Europa e Mondo. Per  conoscere il punteggio dei giochi e gareggiare è necessario registrarsi al sito e fornire un indirizzo E-mail valido.

Il gioco StateTRIS propone una versione del gioco TETRIS, con caduta dall’alto dei paesi europei che devono essere sistemati al loro posto. Nello stesso sito è possibile trovare anche altri giochi simili.

Per grandi e piccoli ci sono siti di gioco dove si può localizzare i luoghi del pianeta, piantando le bandierine, riconoscere i siti particolare i come quelli dell’Unesco, oppure abbinare la bandiera al paese. Il punteggio dipenderà dal tempo di risposta e dai km che separano il punto indicato dalla città nella realtà: uno di questi è GEOSENSE (www.geosense.net) si può giocare da soli  o in gruppo. Viene richiesto per partecipare al gioco di iscriversi come ospite o con un proprio nome e una pw che serviranno solo a memorizzare il gioco, non viene chiesto altro. Prima di iniziare la partita si sceglie la mappa: del mondo (>World Map; difficile: >Advanced Map), dell’Europa o degli USA. Selezionando Scramble si rende più difficile la partita (i nomi appariranno poco alla volta). Per giocare si clicca sul punto della carta geografica dov’è la città richiesta: il punteggio dipenderà dal tempo della risposta e dai km che separano il punto indicato (in blu o in rosso) da quello giusto (in giallo):  Per ulteriori spiegazioni ci sono le istruzioni, e per le eventuali difficoltà c’è al centro della pagina una finestra di chat sempre attiva.

Anche questo è un gioco di conoscenza dei nomi dei luoghi e degli Stati, comprende vari giochi di localizzazione: esercitati su Italia, Europa, America e tutto il resto del mondo, l’indirizzo è qui a giochimatti il nome è tutto un programma. Buon divertimento.

Una raccolta completa e interessante a finalità didattiche ma anche divertente ha giochi geografici per la conoscenza delle caratteristiche dei paesi europei e del mondo. Tutto raccolto in questa pagina di portogeografia. Dedicata agli studenti della scuola primaria.

 

La Geolocalizzazione delle foto viene oggi fatta in modo automatico: si chiama PlaNet. È una rete neurale sviluppata da un’équipe di ricerca di Google, in grado di identificare la geolocalizzazione di quasi tutte le foto, anche se queste contiengono pochissimi punti di riferimento, come paesaggi, cartelli stradali o simili. L’algoritmo usato ha un’efficienza superiore del 50% rispetto agli antagonisti artificiali, e ha sbaragliato gli esseri umani. I ricercatori, hanno diviso la mappa del mondo in una griglia composta da 26mila quadratini di dimensioni diverse, inversamente proporzionali al numero di foto  scattate in una determinata regione. In questo modo, la mappa ha una risoluzione maggiore sulle regioni da cui si caricano più immagini e una risoluzione minore in zone come i deserti, gli oceani e le calotte polari. Il sito Geoguessr.com vi sfida, per l’appunto, a geolocalizzare una foto prelevata a caso da Google Maps – ed è molto più difficile di quello che sembri. PlaNet ha vinto 28 round su 50 con un errore medio di localizzazione di 1131,7 chilometri, mentre l’errore medio umano è di 2.320,75 chilometri. (notizia dalla rivista online wired.com).

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: